Slow Life

lunedì 30 maggio 2016

Short List - #SBF016

Manca poco a Slow Brand Festival #SBF016 dove, tra i punti in programma (http://brandforum.it/papers/1451/slow-brand-festival-2016-sbf016), proclameremo anche i nuovi Slow Brand e Slow Boss 2016.
 

I casi in Short List per la categoria Slow Boss sono i 5 più votati dalla Community di Brandforum.it:


Ruben Abbattista – Presidente Circolo del Design
Elisa Pedrazzoli – Responsabile linea PrimaVeraBio Salumificio Pedrazzoli
Christian Boiron – Direttore Generale Gruppo Boiron
Brunello Cucinelli  Imprenditore e fondatore dell'omonima azienda
Maria Luisa Bionda –  Titolare 2B Research



I casi in Short List per la categoria Slow Brand sono i 10 più votati dalla Community di Brandforum.it (con un pari merito) :













Ora è al lavoro la nostra illustre Giuria Tecnica composta da Maura Franchi (Sociologa Università di Parma), Bruno Contigiani (L'Arte del Vivere con Lentezza), Andrea Ferrazzi (Resp. Relazioni Esterne Confindustria Dolomiti Belluno), Andrea Di Turi (giornalista), Maria Angela Polesana(Sociologa Università IULM), Alessia Coeli (Responsabile Innovazione sociale e Welfare Università Cattolica), Sergio Tonfi (Superbrands), Franz Russo (Esperto di comunicazione e Blogger), Silvia Giovannini (Giornalista e consulente di comunicazione social), Maria Rosa Ambroso (space planner), Patrizia Musso e i redattori senior Brandforum.it
 

Qui di seguito il programma del "festival lento": 





Per scoprire chi si aggiudicherà i premi finali non mancate a 
Slow Brand Festival #SBF016, 8 giugno (dalle 14.30) in Università Cattolica - ALTIS, Villini Storici (Via San Vittore, 18 – Milano). Per info: http://brandforum.it/papers/1451/slow-brand-festival-2016-sbf016


Quest'anno sarà un artista conosciuto a livello internazionale, Giorgio Vicentini, a confezionare i premi per i vincitori: delle vere e proprie opere d'arte create ad hoc. Negli anni Vicentini ha orientato la sua ricerca in ambito concettuale, scegliendo poi un linguaggio autonomo basato sul colore. Tra le altre attività, conduce anche laboratori di storia dell’arte all’Università Cattolica di Milano ed è consulente artistico dell'architetto svizzero Ivano Gianola e della Fondazione Bosis di Bergamo. Molte sue installazioni sono state esposte in Italia (Milano, Varese, Venezia, Bergamo) e all'estero (Svizzera, Polonia, USA).


Ricordiamo che l'evento Slow Brand Festival è gratuito e aperto a tutti, previa registrazione al form: http://www.surveygizmo.com/s3/2785971/Partecipa-a-SBF016
 



mercoledì 25 maggio 2016

Grazie!

GRAZIE alla nostra community social per i voti alle nomination per ‪#‎slowbrand‬ e ‪#‎slowboss‬ 2016! Ora la Redazione di Brandforum sta creando le short list e poi toccherà alla giuria tecnica esprimere il suo voto... ‪#‎SBF016‬!

Ringraziamo poi in particolare i "giurati under 30per aver contribuito ad individuare e ad analizzare i casi e i progetti aziendali proposti per le nomination dello Slow Brand Festival 2016 - #SBF016:

- gli Studenti dell’Università Cattolica di Milano (studenti laureati e laureandi del corso di “Storia e Linguaggi della Pubblicità” - Facoltà Scienze Linguistiche; studenti del Master in “Account e Sales Management” ALMED/Centrimark),

- gli Studenti del Master in Media Culture & Society (Erasmus University Rotterdam)

- gli Studenti del Corso di Diploma Accademico in Comunicazione Pubblicitaria del II e III anno dello IED di Torino

Eccoli: 
Arosio Chiara
Bartoli Giulia
Bertot Enrico
Bergantin Edoardo
Bevilacqua Giulia
Bianco Guido
Bigone Giovanni
Borgomastro  Alessia
Borgognoni Chiara
Canevari Francesca
Cantore Andrea
Commodo Vittoria
Conti Francesca
Contin Riccardo
Cucchiaro Alessandra
Dagasso Alessandro
De Benedetti Giulia
Dominici Ileana
Fantini Carola
Fiorese Chiara
Ferrario Marta
Garini Elena
Gervasi Margherita
Garini Elena
Gaviano Giulia
Gilardi Carlotta
Girardi Gianmarco
Gubetti Fabio
Kharitonova Diana
Lagattolla Marco
Maraschio Alessandra
Marcelli Edoardo
Marinello Alessandra
Marcello Martina
Marchesi Camilla
Mezzano Rosa Pietro
Monetti Iolanda
Nassi Cecilia
Passaggio Arianna
Pedrazzani Elisabetta
Petrarchi Egidio
Prandi Camilla
Pronello Rossetti Rebecca
Rao Valeria
Rosso Andreas
Ruatta Nicolò
Sergi Elisa
Ursino Elisabetta
Visconti Stefano

oltre agli “under 30”  della Redazione di Brandforum (Mirko Cammalleri, Federica Lusenti, Alessandra Olietti, Federica Proverbio)


Novità: quest’anno abbiamo ingaggiato anche la nostra community che, attraverso un form anonimo, ci ha segnalato molti casi interessanti di 
Slow Brand e… Slow Boss, personalità lungimiranti che si sono distinte per le loro azioni slow in azienda e non solo.

Per scoprire le oltre 50 Nomination Slow Brand 2016 vi invitiamo a scoprire la gallery al link https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10153468890071507.1073741835.104176251506&type=3

Tra di loro ci sono i vincitori che saranno premiati durante #SBF016 (http://brandforum.it/papers/1451/slow-brand-festival-2016-sbf016)


Giuria Tecnica
Maura Franchi, Bruno Contigiani, Andrea Ferrazzi, Andrea Di Turi, Maria Angela Polesana, Alessia Coeli, Sergio Tonfi, Franz Russo (Esperto di comunicazione e Blogger), Silvia Giovannini (Giornalista e consulente di comunicazione social), Maria Rosa Ambroso (space planner), Patrizia Musso e i redattori senior over 30 di Brandforum.it

 
Ricordiamo che l'evento Slow Brand Festival è gratuito e aperto a tutti, previa registrazione al form: http://www.surveygizmo.com/s3/2785971/Partecipa-a-SBF016

venerdì 20 maggio 2016

Nomination Slow Brand 2016 - #SBF016

Ecco le #SBF NOMINATION per l'edizione 2016!

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10153468890071507.1073741835.104176251506&type=3

Aiutateci a comporre la short list votando con un LIKE (o, perché no, un LOVE ♥ ). Ci sono 5 categorie da votare: Slow Spot, Slow Web, Slow Factory, Slow Space e Slow CSR. Avete tempo fino al 24 maggio!


Il vostro voto si unirà a quello della Giuria Tecnica che proclamerà i vincitori di ogni categoria durante lo Slow Brand Festival 2016 - #SBF016, a Milano l'8 giugno 2016 @Università Cattolica - Altis (Villini Storici in Via S.Vittore, 18)

PROGRAMMA DELL'EVENTO: http://brandforum.it/papers/1451/slow-brand-festival-2016-sbf016


mercoledì 18 maggio 2016

Nomination Slow Boss 2016 - #SBF016

Sono online le nomination per gli Slow Boss in gara a Slow Brand Festival 2016. Ringraziamo la Community di Brandforum.it per gli interessanti casi che ha segnalato (qui di seguito la gallery con le card).


Chiunque può aiutarci a comporre la short list, selezionando i "capi lungimiranti" che si sono distinti a vario titolo con iniziative SLOW.



Per farlo è possibile dare il proprio voto con un "LIKE" alla foto dello Slow Boss che preferite (entro il 24 maggio) sulla pagina Facebook di Brandforum: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10153463467066507.1073741834.104176251506&type=3


Il vostro voto si unirà a quello della Giuria Tecnica che proclamerà lo Slow Boss vincitore durante Slow Brand Festival 2016 - #SBF016, a Milano, l'8 giugno 2016 @ Università Cattolica - Altis (Villini Storici in Via S.Vittore, 18)

PROGRAMMA DELL'EVENTO: http://brandforum.it/papers/1451/slow-brand-festival-2016-sbf016















martedì 17 maggio 2016

Filastrocca della Lentezza, di Sabrina Giarratana

Io vado lento, io vado piano

Chi corre sempre non va lontano
Il mondo è pieno di cose lente
Chi corre sempre poi non le sente
Guarda che bello questo universo
Se corri sempre te lo sei perso
Senti che bella questa carezza
Non ci sarebbe senza lentezza
Rallenta un poco, rallenta ancora
Cosa succede se perdi un’ora?



Sabrina Giarratana

venerdì 13 maggio 2016

Slow Brand Festival 2016 - #SBF016

Dopo il successo della scorsa edizione che ha visto avvicendarsi prestigiosi referenti di realtà aziendali come Mulino BiancoUnicredit, Boiron e Danone che hanno intrapreso iniziative Slow, anche quest’anno la redazione di Brandforum in collaborazione con l’Arte del Vivere con Lentezza fondata da Bruno Contigiani ha il piacere di presentare la II edizione di Slow Brand Festival.


L’appuntamento per la II edizione del Festival “lento” che si inserisce anche quest’anno nella cornice della X Giornata della Lentezza è per mercoledì 8 giugno (orario 14.30 – 19.30), agli splendidi Villini Storici dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – ALTIS. Una location Slow immersa in uno storico giardino nel centro cittadino, dove poter rallentare, discutere, ascoltare e dare ritmo al proprio tempo.


L’evento, ideato nel 2015 da Patrizia Musso (Direttore di Brandforum.it) e contraddistinto quest’anno dall’hashtag #SBF016, si palesa come un momento di approfondimento e dibattito sulla maturità del fenomeno Slow in Italia, ma è volto anche a valorizzare e premiare grandi e piccoli Slow Brand già presenti sul nostro territorio oltre a quelle figure imprenditoriali – gli Slow Boss – che hanno saputo distinguersi per le loro scelte Slow in azienda e verso i consumatori.


Ma chi è uno Slow Boss? E’ un imprenditore che si è particolarmente distinto per aver operato a favore dei suoi dipendenti, dell’ambiente circostante in modo virtuoso e lungimirante mettendo in atto strategie d’impresa che mettono al centro le persone e i loro bisogni. Alle nomination potranno partecipare sia aziende B2B o B2C sia i loro dipendenti e candidare il proprio "boss".


Il concetto di Slow Brand nasce dall'osservazione di una presa di coscienza ormai imminente e necessaria: nel flusso incondizionato di messaggi, attività, trend e involuzioni socio-economiche a cui ogni consumatore è sottoposto, i brand devono avere il coraggio di innestare “nuovi tempi in nuovi spazi, più a misura d’uomo”.




 (ph. Brandforum.it)


Scaletta dell’evento
L’evento si aprirà con il saluto introduttivo del Prof. Vito Moramarco, Direttore di ALTIS (Università Cattolica) e proseguirà con una Lectio inaugurale a cura di Maura Franchi, sociologa dell'Università di Parma.


Si entrerà nel vivo con la prima parte di Slow Brand Talk sul tema Slow ADV Slow Factory (moderato dal giornalista Andrea Di Turi) con Bruno ContigianiJulia Schwoerer (Vice President Marketing Mulino Bianco & Pan di Stelle), Andrea Ferrazzi (Confindustria Belluno Dolomiti, fondatore di Slow Communication), Maria Angela Polesana (sociologa, Università IULM), Sergio Tonfi (Director Superbrands Italia), Alessia Coeli (Responsabile Innovazione sociale e Welfare, ALTIS, Università Cattolica).


Seguirà la seconda parte (moderata da Patrizia Musso) sul tema Slow web, con la partecipazione di prestigiose aziende tra cui Google Italy (Paola Marazzini, Agency Director Google Italy), Gruppo ENI (Daniele Chieffi - Head of Web Media Relations, Social Media management and Reputation Monitoring), Hole In One (Giovanni Santilio - Partner & Digital Engagement Director), Alkemy (Timothy Small - Head of Content) ed esponenti del mondo delle PMI.


Chiuderemo con la presentazione della ricerca sul tema “Slow Life contemporanea” a cura di Alessandra Olietti (Redazione Brandforum), e con le premiazioni finali di Slow Brand e Slow Boss.



A fare da trait d’union ci sarà una rappresentazione teatrale innovativa a tema Slow con gli attori professionisti Matilde Dondena e Daniele Giulietti in collaborazione con gli studenti del Master in Account e Sales Management (ALMED) e i docenti Prof. Claudio Bernardi, Giulia Innocenti Malini e Laura Cantarelli.


Ancora una volta #SBF016 vuole essere un’occasione per diffondere la “Cultura Slow” e per avvicinare i giovani under30 al mondo delle imprese e viceversa.
Novità di quest’anno è l’ingaggio dell’intera community di Brandforum per collaborare – attraverso la compilazione di form anonimi – alla ricerca degli Slow Brand (http://www.surveygizmo.com/s3/2709646/Slow-Brand-Festival-2016-SBF016-Slow-Communication#sthash.FNA18a0p.dpuf) e Slow Boss (http://www.surveygizmo.com/s3/2709592/Slow-Brand-Festival-2016-SBF016-Slow-Boss#sthash.FNA18a0p.dpuf) presenti sul nostro territorio.



Giuria Tecnica
Maura FranchiBruno Contigiani, Andrea Ferrazzi, Andrea Di Turi, Maria Angela Polesana, Alessia Coeli, Sergio Tonfi, Franz Russo (Esperto di comunicazione e Blogger), Silvia Giovannini (Giornalista e consulente di comunicazione social), Maria Rosa Ambroso (space planner), Patrizia Musso e i redattori senior over 30 di Brandforum.it

Partner istituzionali
Università Cattolica del Sacro Cuore - ALTIS
Università Cattolica del Sacro Cuore - ALMED
IED - Istituto Europeo di Design
Franco Angeli

Sponsor tecnici
Hole In One
Manymal

Media partner
Beesness
BeTheBoss.it
Sloworking
You Can
AD Hunter
Promotion Magazine

Seguiteci!
Per rimanere aggiornati su #SBF016, sulle tematiche e sulle novità che ruotano attorno al tema Slow, seguite il blog dedicato a Slow Brand Festival (www.slowbrandfestival.it), oltre al nostro sito (www.brandforum.it) e le nostre pagine social:
Facebook www.facebook.com/Brandforum.it/?fref=ts
Twitter twitter.com/brandforum_it
Instagram www.instagram.com/brandforum/
Pinterest it.pinterest.com/brandforum/


mercoledì 11 maggio 2016

"Capi gentili".. ne abbiamo?

"Mi fissi per favore una call alle 18 con XXX, nel frattempo verifichi che... ah ci sarebbe anche da andare da quel cliente, può passare lei domani? Dimenticavo, se le avanza tempo prima di sera si allinei con YYY per la questione ZZZ"


Queste frasi risuonano spesso negli uffici che si trasformano in luoghi di lavoro frenetico e, spesso, di frustrazione.


Fortunatamente ci sono delle realtà, sia B2B sia B2C che si muovono attorno a delle figure che non parlano solo di "performance" ma di "passione", non solo di "strategie" ma anche di "dedizione". Sono coloro che pensano al benessere dei propri dipendenti che sono in primis delle persone con esigenze e, perché no, sogni da realizzare; sono figure che vogliono coltivare la loro squadra e farla crescere non solo come "grandi manager" ma anche e soprattutto come "persone felici di far parte dell'azienda per la quale lavorano".



Questi sono gli "Slow Boss". Utopia? Fortunatamente no!


Un “capo” Slow è quella figura che a vario titolo in azienda, e non solo, ha il coraggio di rallentare a livello organizzativo (ciò non vuol dire né fermarsi né non essere in grado di stare al passo con il cambiamento), promuove tra i suoi dipendenti una modalità di lavoro più a misura d’uomo, così da permettere loro di avere più tempo, per far meglio (e non meno!) le cose.


Esempi pratici? Riduzione dell’orario settimanale di lavoro per garantire un clima felice in azienda; istituzione di programmi di affiancamento per le donne che rientrano dalla maternità o bonus per i neo papà; rimborsi ai dipendenti per le spese di cinema, libri e musei; inserimento di momenti (e spazi) ludici e di svago in azienda…


In estrema sintesi, un “capo gentile” che si prende cura dei propri collaboratori, che li sappia ascoltare e che sia in grado quindi di creare forme di “leadership illuminanti.


Dove sono questi “capi gentili”? Aiutateci a trovarli! Ecco il link al form anonimo (3 semplici e veloci domande!): 
www.surveygizmo.com/s3/2709592/Slow-Brand-Festival-2016-SBF016-Slow-Boss 

Avete tempo fino al 13 maggio!!!


Lentezza/Ricchezza: binomio possibile?

... nella frenesia che ci attanaglia, in cui tutti vogliono vivere il presente, spesso senza riuscire a farlo del tutto nostro, c'è ancora chi crede nella filosofia del "Rallentare per vivere meglio"



X Giornata Mondiale della Lentezza

"Dal 9 maggio 2016... ogni giorno per un giorno o più": questo il mantra che guida la X Giornata della Lentezza, promossa da L'Arte del Vivere con Lentezza, fondata da Bruno Contigiani e nostro partner nell'organizzazione del prossimo Slow Brand Festival.




(ph. Brandforum.it)


La presentazione della X Giornata della Lentezza, realizzata con il sostegno di Intesa San Paolo, si è svolta qualche giorno fa nella sede del più grande negozio
d’Europa dedicato ai veicoli elettrici, ElettroCityStore, con la partecipazione dell' Assessora al Benessere, Qualità della Vita, Sport e Tempo Libero
del Comune di Milano.

 

  (ph. Brandforum.it)


La Prima Giornata della Lentezza si è svolta in un freddo 19 febbraio del 2007 in Corso Vittorio Emanuele a Milano e da quella data sono successe tante cose...

La Lentezza, che faceva sorridere, ora è diventata trend, ma in concreto sempre più persone si sono trasformate in veri e propri ricercatori di una vita più soddisfacente. Oggi c'è però molta noia in giro e la gente che chiede freneticamente novità, curiosità, iniziative particolari ed estreme, ha smarrito
il tempo del godimento.


Giunti alla decima edizione - dopo aver multato ignari frettolosi passanti a Milano, New York, Tokyo, Shanghai, Londra, Parigi, aver condiviso letture, passeggiate, gare a ritroso, unito Mozart e vino - L'Arte del Vivere con Lentezza, a partire dal 9 maggio, invita tutti a fermarsi, per tessere la rete sempre più ampia e articolata di persone, associazioni, scuole, università, aziende, città che hanno avviato senza clamore un cambiamento duraturo.
Tra questa realtà di siamo da qualche tempo anche noi di Brandforum.it che ripartiremo il prossimo 8 giugno con il nostro II Slow Brand Festival (http://www.brandforum.it/papers/1451/slow-brand-festival-2016-sbf016) - #SBF016, che nella scorsa edizione ha coinvolto grandi e piccole aziende tutte determinate a "rallentare".


Lentezza è sempre più un vivere con lentezza, provando ad accontentarci dei piccoli e grandi successi quotidiani.


Tanti gli eventi in programma in tutta Italia, ma anche in giro per il mondo a partire da Padova, per toccare New York, Le Havre, Milano, Venezia, Benevento, Pavia, Piacenza, Firenze, Lodi, Xing Yang, Vidjiadarnaghar.
La X Giornata sarà particolarmente lenta, tanto da protrarsi fino a metà giugno, in un viaggio in bici a pedalata assistita fino a Padova per proseguire da Mira a Venezia sul sandolotto buraneo "Ore d'Oblio" armato dall’associazione VoRaBe.


A Milano, il Politecnico, presenterà il progetto Vivere gli Avanzi per far rivivere quattro luoghi sconosciuti ai milanesi ma di infinita bellezza.
A Ferrara si terrà un workshop sullo Scenario della Felicità, all'interno del Ferrara Sharing Festival. In tutta Italia l'Associazione Italiana Persone Down promuove una passeggiata lenta e un video a tema.


Per altre idee su come rallentare, vi invitiamo a consultare il sito www.vivereconlentezza.it
- See more at: http://brandforu

lunedì 9 maggio 2016

martedì 3 maggio 2016

Lentezza bene comune - di Bruno Contigiani

Perché c'è chi sceglie di rallentare in un mondo frenetico? Le riflessioni di Bruno ContigianiScrittore e fondatore de L'Arte del Vivere con Lentezza - tra gli ospiti del prossimo SBF016



Ringraziamo Bruno Contigani per la gentile concessione alla ripubblicazione del pezzo su Brandforum.it e sul blog di Slow Brand Festival: http://brandforum.it/papers/1449/lentezza-bene-comune




La lentezza ad alcuni piace, ad alcuni fa schifo. C’è chi prova a rallentare, molti dicono che ne avrebbero bisogno, ma non ci riescono, altri si sentono bene solo correndo sempre più.


Scrive Franco Bolelli su Facebook: “Detesto la lentezza. Detesto aspettare. Detesto i rinvii, gli attendismi, i “pensiamoci”, i “ne parliamo piu’ avanti”. Detesto tutto quello che procrastina i tempi delle scelte e delle decisioni, tutto quello che sposta il traguardo. Detesto l’ammorbante, inconcludente possesso palla. E’ vero che anche fare tutto troppo in fretta –come faccio io- comporta un sostanzioso numero di errori. Ma la lentezza dei riflessi andrebbe considerata come una grave patologia. E la pazienza può forse essere necessaria, ma è spossante e molesta. Abbiate pure idee tremende: ma ve ne prego, allenate gli scatti, gli slanci, le impennate, coltivate rapidi riflessi istantanei!”.


Qualcuno mi segnala il post e mi chiede di rispondere, potrei dire che la lentezza è un po’ come il colesterolo, c’è quello buono e quello cattivo (è ovvio che certe cose danno fastidio a chiunque) preferisco parlare di alternanza, in realtà non si può andare sempre adagio o sempre forte, è questione di equilibrio, di ritmo, correre sempre non fa bene a nessuno, reagire di scatto anche. Molti ci sono costretti, tanti ci si costringono, anche quando non ce n’è bisogno.


Da quel freddo 19 febbraio 2007 della Prima Giornata della Lentezza sono successe tante cose e il mondo è cambiato. Quel lontano evento ebbe un successo mediatico incalcolabile e inatteso, fu nei titoli di testa di tanti Tg. La Lentezza, che faceva sorridere, è emersa, è a disposizione, può essere considerata un bene comune. Qualche cosa di più di una trovata, un’idea, di sicuro una proposta gratuita. Nel tempo è diventata persino trendy, ma se non avesse colto una necessità sarebbe passata come tutte le mode, invece sempre più persone si sono trasformate in ricercatori di una vita più soddisfacente e per cominciare hanno rallentato.


Oggi c’è però molta noia in giro e la gente che chiede freneticamente novità, curiosità, iniziative straordinarie, ha smarrito il tempo e il gusto del saper godere, cerca l’eccesso. Da quel lontano febbraio, di multe per strada a ignari passanti frettolosi, le iniziative sono aumentate e cresciute, tanto da coinvolgere Università come per lo Slow Brand Festival della Cattolica di Milano o Vivere gli avanzi del Politecnico Design, ci sono sempre quelli che la prendono in allegria, come Slow Run o VoRaBe a Padova, che organizza una traversata in laguna su un sandalotto buraneo.


Un po’ per celia e un po’ per non morire, quello che conta è che faccia riflettere, a cominciare da un giorno, da un piccolo gesto, il prossimo 9 di maggio.