Slow Life

giovedì 22 giugno 2017

Chi sono i vincitori di #SBF017?

All’interno di prestigiosa cornice slow nella Milano storica, si è tenuta lo scorso 14 giugno la terza edizione di Slow Brand Festival - #SBF017, evento promosso da Brandforum.it in collaborazione con L'Arte del Vivere con Lentezza Onlus e con la collaborazione di ALTIS Università Cattolica.

​L’evento ha visto la partecipazione di un grande pubblico di rappresentanti aziendali, giornalisti, addetti ai lavori e studenti universitari accomunati dalla passione per la comunicazione, nonché di numerose figure di spicco del mondo della comunicazione e del marketing che si sono confrontate sul fenomeno #slow. A breve un racconto dettagliato dell'evento!
 

Al termine della serata, il momento tanto atteso: la premiazione dei vincitori del premio Miglior Slow Boss e Slow Brand 2017: un riconoscimento assegnato a quelle figure aziendali e a quelle imprese che si sono distinte per innovazione e originalità in ottica #slow.



I vincitori sono:
Slow Boss (nomination pervenute dalla rete):

- più votato dalla Giuria Tecnica: Maria Emanuela Salati (Responsabile formazione, progetti evolutivi e welfare ATM)
Motivazione: Attenta allo sviluppo professionale, al benessere dei dipendenti; è forte sostenitrice dello spirito di gruppo e della leadership femminile



- più votato dalla Community di Brandforum: Dante Bonacina (Direttore Commerciale Ca' del Bosco)
Motivazione: Sa motivare i dipendenti privilegiando l'aspetto umano nella crescita professionale e personale
 
Slow Brand (oltre 100 nomination segnalate da una giuria di giovani studenti "under 30"):

- per la categoria Slow ADV: 
Ikea - "Sorprenditi ogni giorno", dedicata alla quotidianità domestica attraverso il racconto di storie e spaccati di vita





- per la categoria Slow Space: 
Libreria Acqua Alta - Venezia, dove la lettura diventa un'esperienza originale in ottica slow 





- per la categoria Slow Web 
Campari "Killer in Red", cortometraggio con uno stile coinvolgente firmato da Paolo Sorrentino, dove il prodotto passa in secondo piano





- per la categoria Slow Factory: 
Eolo "Eolo 45", progetto per la valorizzazione dei dipendenti e del territorio per aiutare i "disoccupati senior" a inserirsi nuovamente nel mondo del lavoro



Abbiamo inoltre premiato un progetto Slow legato alla CSR: Birra Baladin, progetto "Terra Madre"  per la valorizzazione del territorio africano, con la creazione di 10000 orti in collaborazione con SlowFood per garantire cibo fresco e sano alla popolazione.



Una menzione speciale è stata data a 
New Maltesers - "Look on the light side" una serie di corti dedicati all'abbattimento dei tabù attorno alla disabilità

I premi dedicati ai boss e alle aziende vincitrici quest'anno sono stati realizzati in esclusiva per #SBF017 da You Can Lab ADHunter, sponsor tecnico di Slow Brand Festival, con omaggi slow gentilmente offerti da Bussy, Druantia, ALTIS Università Cattolica e Brandforum


Premio speciale anche a Patrizia Musso: Direttore Slow di Brandforum





Oltre naturalmente ai giovani "under 30" che hanno proposto le nomination in gara (http://www.brandforum.it/papers/1519/giurati-under-30-e-nomination-sbf017) e la community on line di Brandforum per aver votato i loro casi preferiti, si ringrazia la Giuria Tecnica composta da illustri nomi: Bruno Contigiani (Fondatore di L’Arte del Vivere con Lentezza Onlus), Alessia Coeli (Key referent welfare e innovazione sociale - ALTIS), Andrea Di Turi (Storytweeter @andytuit eGiornalista), Graziella Falaguasta (Giornalista free lance e Consulente di comunicazione), Silvia Giovannini (Giornalista e Social Media Manager Unione Industriali Varese), Paola Miglio (Consulente Marketing & Digital strategies), Orazio Spoto (Consulente manageriale), Gabriele Qualizza (Redattore Senior Brandforum.it), Sergio Tonfi (Editor Superbrands), nonché da Patrizia Musso (Direttore Brandforum.it) e dai redattori senior “over 30” di Brandforum.it. per aver contribuito a decretare i vincitori di questa edizione di Slow Brand Festival attraverso i loro voti.

Nessun commento:

Posta un commento